When you install WPML and add languages, you will find the flags here to change site language.

Goose @ Alpheus — Roma, 20 Gennaio 2011

Artista: Goose
Evento: Live @ Alpheus
Città: Roma
Data: 20 Gen­naio 2011

Scar­ica l’album:
Synrise - Goose
Syn­rise — Goose

Un giovedi sera qualunque a Roma può cap­itare di imbat­tersi in una ser­ata rock snob­bata dai più (solo qualche decina di per­sone tra il pub­blico) ma del tutto elet­triz­zante e piacev­ole. Il 20 gen­naio sono arrivati i belgi Goose con il loro con­certo tutto elet­tron­ica e dance. La band è com­posta dai gio­van­otti Mick­ael Kark­ousse, Dave Mar­tijn, Tom Coghe, e Bert Libeert e si è pre­sen­tata in for­mazione tutta elec­tro, con tre tastiere/campionatori e dietro il bat­ter­ista. Dopo gli apprez­z­abili “Bring it on” (2006) e il recente “Syn­rise”, uscito per la !K7 un paio di mesi fa, i Goose si sono ritagliati uno spazio invidi­a­bile presso le schiere di appas­sion­ati di dance rock con strut­ture elec­tro ed ebm, forti anche del recente pre­mio per la migliore band di dance/elettronica in Bel­gio. E la fama la mer­i­tano tutta, come dirò tra breve.

Ma andi­amo con ordine. Dicevo, ser­ata elet­triz­zante iniziata con le band di sup­porto Skinny Pants, por­ta­tori di un brit rock ancora immaturo, e Dead Beats, molto bravi con il loro heavy pulito e tirato. Dopo entrano in gioco loro e la poco numerosa platea dell’ Alpheus esplode nella danza. Bassi pro­fondi, sequencer, bat­te­ria potente che dà un asso­luto tocco di rock alter­na­tivo a tutto lo spet­ta­colo e soprat­tutto i 4/4 osses­sivi e i synth a dis­eg­nare strut­ture, melodie e suoni come fos­sero dei Depeche Mode rin­gio­van­iti e velocizzati.

I Goose in con­certo all’Alpheus (Roma)

Lo show dura solo 45 minuti scarsi ma ti toglie tutte le energie, visto che si balla dall’inizio alla fine. La cronaca inizia con la bel­lis­sima “Words”, resa mag­ica da tap­peti di suoni sin­tetici che ricor­dano da lon­tano Soft Cell e Yazoo, ma con molta mag­giore potenza dance. Da imparare a memo­ria. Si pros­egue con “Bring it on” in cui la voce di Mick­ael è abbas­tanza monot­ona da dis­eg­nare un per­fetto brano elec­tro con tastiere pesanti da far sbal­lare ogni appas­sion­ato di synth pop anni 80. E le gambe si muovono, come la testa..
Si va avanti con il sen­suale ebm di “Low mode”, in cui Mikael si scatena ma soprat­tutto si scatena il pub­blico, dev­as­tato dalle fre­quenze basse. E poi ancora si balla con “British mode”, tutta gio­cata sull’utilizzo del basso e la sua alter­nanza con il gioco delle tastiere e della bat­te­ria, sem­pre potente. E ancora la potenza di “Can’t stop me now”, con i synth che dis­eg­nano per­corsi elec­tro potenti e suburbani.

Insomma, un’esibizione emozio­nante per capac­ità di creare sonorità coin­vol­genti e di far bal­lare, vera­mente dall’inizio alla fine. Pop, atti­tu­dine rock, suoni oscuri, movi­mento, dance, elet­tron­ica. Non si può chiedere di più a una band che merita palchi ben più grandi e pub­blico ben più numeroso.

Sod­dis­fatti, siamo tor­nati a casa non prima di esserci goduti un paio di brani dei Frank Sent Us, pazzo prog­etto di cut up audio video molto inter­es­sante, da rivedere all’opera.

Luigi Zampi

Scar­ica l’album:
Synrise - Goose
Syn­rise — Goose

TRACKLIST

01. Syn­rise [05:32] 02. Can’t Stop Me Now [04:13] 03. After [05:10] 04. Like You [04:42] 05. As Good As It Gets [03:47] 06. Hunt [02:25] 07. Words [03:48] 08. Bend [07:09] 09. In Cars [04:44] 10. Star­ing [02:38]

LINK

Sito web www.goosemusic.com

Myspace www.myspace.com/goosemusic

Face­book www.facebook.com/pages/GOOSE

Etichetta www.k7.com


0
0